27Novembre2019

Fipe, Stoppani confermato presidente

Per Lino Enrico Stoppani si tratta del quarto mandato come presidente della Fipe, federazione che rappresenta circa 300.000 imprese, sviluppa un valore aggiunto di 40 miliardi di euro e fornisce occupazione a circa un milione di addetti.

Nel suo discorso di presentazione l'imprenditore ha segnalato problemi, criticità e aspettative del settore, trasferendo messaggi alle istituzioni per provvedimenti coerenti e responsabili, che considerino il grande valore economico e sociale dei pubblici esercizi italiani. Queste le sue dichiarazioni: "Fipe ha avuto la grande responsabilità e il merito di firmare il primo Contratto collettivo di lavoro riservato ai soli dipendenti dei pubblici esercizi, della ristorazione commerciale e collettiva e del turismoIl primo che ha introdotto il concetto di scambio tra produttività e salario, fondato sull'inderogabile principio che prima di redistribuire la ricchezza bisogna crearla.

Non è accettabile che nella relazione di accompagnamento al decreto fiscale si annoti di “un comportamento illecito diffuso in alcune categorie del commercio” quando oggi esistono strumenti di contrasto a questi fenomeni, come l'anagrafe bancaria, la tracciabilità dei pagamenti e l'incrocio delle banche dati, non attivati o mal utilizzati, ma non certo per colpa degli esercenti.

Se non sono scattate nell'ultima legge di Bilancio lo dobbiamo all'impegno qualificante della Confcommercio e in particolare a quello personale del presidente Sangalli.

Il ruolo di Fipe è decisivo in due settori complementari – Turismo e Filiera Agro-Alimentare – nei quali storicamente ci viene riconosciuta una forte funzione di attrazione, valorizzazione e promozione. All’attività di ristorazione va riconosciuto un ruolo nella conservazione identitaria e produzione culturale. Nello specifico, per quanto riguarda il turismo, occorre valorizzare il ruolo di ristorazione, intrattenimento e servizi balneari, decisivi per migliorare la soddisfazione dei turisti e favorire occasioni di spesa, generando ricchezza e posti di lavoro. Vanno estese a tutte le categorie e rese strutturali le buone normative finalizzate a promuovere lo sviluppo e la modernizzazione dell’offerta turistica.

Inoltre, crediamo sia assolutamente fondamentale dare regole certe al mercato, per consentire al sistema imprenditoriale di operare in un contesto competitivo fondato sui principi di concorrenza leale, contrastando ed eliminando le tante forme di abusivismo che oggi lo dequalificano".

Confcommercio Brescia2019-12-16
  1. Home
  2. news
  3. Fipe, Stoppani confermato presidente