15Novembre2023

Confcommercio, la stretta del credito soffoca le imprese

Il tema della stretta creditizia per le imprese del commercio, del turismo e dei servizi è al centro del focus che Confcommercio ha realizzato avvalendosi del supporto di Format Research. Quasi il 40% delle imprese del terziario, nel corso del 2023, ha ottenuto meno credito di quanto richiesto e 8 imprese su 10 hanno registrato un aumento del costo del credito a causa dell’inasprimento dei tassi di interesse; un peggioramento che ha costretto oltre il 40% delle imprese a rinunciare, in tutto o in parte, agli investimenti programmati, in particolare per la crescita, la sicurezza e l’innovazione, e a nuove assunzioni nel corso del 2024. Secondo l'indagine inoltre, la stretta del credito comporterà per il 45% delle imprese un peggioramento della situazione della propria liquidità, con il rischio di un impatto negativo sulla domanda dei consumatori a causa di una minore capacità delle imprese di fare sviluppo commerciale presso i propri clienti e con una conseguente diminuzione dei ricavi e una minore capacità di fronteggiare l’aumento dei costi praticati dai propri fornitori. 

 

Sangalli: "Più attenzione del sistema bancario verso le imprese"

Commentando i risultati dell'indagine, il presidente di Confcommercio, Carlo Sangalli, ha sottolineato che “la nostra vera preoccupazione oggi è la stretta creditizia, un fenomeno che si sta acutizzando anche per effetto del rialzo dei tassi di interesse e che sta penalizzando le imprese del terziario, in particolare quelle di minori dimensioni: dal 2011 ad oggi i prestiti del sistema bancario verso le imprese con meno di 20 dipendenti si sono ridotti di oltre il 35%". "Serve, quindi - ha osservato Sangalli - una maggiore attenzione da parte del sistema bancario verso queste imprese ma un importante banco di prova sarà anche la riforma del Fondo di garanzia per le Pmi che dovrà porre maggiore attenzione alle imprese meritevoli ma sottoposte a restrizione creditizia che, spesso, sono proprio quelle di minori dimensioni.”

 

Patuelli: "Non sono le banche a chiudere i rubinetti ma sta calando la domanda di credito"

"I tassi? Impossibile prevedere cosa accadrà nei prossimi mesi. Non è il caso di fare scommesse. Ma i tassi a zero non sono la consuetudine storica, ma una eccezione assoluta". Così, in un'intervista a La Stampa, il presidente dell'Associazione bancaria italiana Antonio Patuelli. "Il problema è l'abitudine - ha osservato Patuelli - quando si abitua l'opinione pubblica ad operare per 10 anni con tassi zero e sottozero, non solo i depositi bancari in Bce ma anche i Bot, è chiaro che poi quando si muovono al rialzo c'è stupore". "Non sono le banche a chiudere i rubinetti: la Banca d'Italia ci dice che a calare è direttamente la domanda di credito", ha aggiunto il presidente parlando dei prestiti. "Rispetto al passato - sostiene Patuelli - credo che quelle imprese che avevano messo da parte liquidità in maniera cospicua invece di prendere denaro a prestito utilizzino la propria. E la stessa cosa han fatto molte famiglie. La fase oggi è decisamente cambiata come confermano anche i dati sulla liquidità che sul mercato è in deciso calo". 

Confcommercio Brescia2024-07-14
  1. Home
  2. News
  3. Confcommercio, la stretta del credito soffoca le imprese